Sei qui: Home | Sistema di Allertamento Regionale

Avvisi

 


 

Ordinanza n. 11 del 31 agosto 2016

NORME DA OSSERVARSI IN CASO DI ALLERTE METEO IDROGEOLOGICHE E EVENTI METEOROLOGICI INTENSI

Leggi tutto

Ordinanza n. 3 dell'8 febbraio 2017

MANUTENZIONE E PULIZIA DEGLI ALVEI E DELLE SPONDE A CARICO DEGLI UTENTI E DEI PROPRIETARI FRONTISTI PER ASSICURARE LE CONDIZIONI DI SICUREZZA DEI RIVI E COMPLUVI SUL TERRITORIO COMUNALE

Leggi tutto

 

IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

PDF  Stampa  E-mail 

Il nuovo sistema di Allertamento approvato con D.G.R. n.1057/2015 del 5 ottobre 2015, in vigore dal 15 ottobre 2015, comporta il passaggio da due livelli di Allerta con codice numerico a tre livelli con codice cromatico e più precisamente:

Allerta gialla, Allerta arancione, Allerta rossa. Tali valori costituiscono un sistema di soglie di riferimento, a cui corrispondono scenari di rischio corrispondenti a livelli di criticità crescente.

  1. Allerta gialla, a cui corrisponde una criticità ordinaria (fenomeni naturali che si ritiene possano dare luogo a criticità che si considerano comunemente ed usualmente accettabili dalla popolazione quali precipitazioni - piogge diffuse -  di intensità forte e in quantità elevata;
  2. Allerta arancione, a cui corrisponde una criticità moderata (fenomeni naturali che non raggiungono valori estremi e che si ritiene possano dare luogo a danni ed a rischi moderati per la popolazione, tali da interessare complessivamente una importante porzione del territorio considerato quali precipitazioni - piogge diffuse - di intensità forte o molto forte e in quantità elevata o molto elevata);
  3. Allerta rossa, a cui corrisponde una criticità elevata (fenomeni naturali suscettibili di raggiungere valori estremi e che si ritiene possano dare luogo a danni e rischi anche gravi per la popolazione, tali da interessare complessivamente una consistente quota del territorio considerato quali precipitazioni - piogge diffuse - di intensità molto forte e in quantità molto elevata).

A queste nuovi livelli si associano gli stessi livelli di Allerta nivologia e due livelli di Allerta idrogeologica per temporali (gialla, in caso di bassa probabilità di temporali/rovesci forti e arancione, in caso di alta probabilità di temporali/rovesci forti organizzati e diffusi), esclusivamente quando tali fenomeni non sono già associati a un contesto di piogge diffuse.

Pertanto qualora sia prevista una criticità al suolo non nulla (superiore a verde), viene emessa un’allerta idrogeologica/idraulica del corrispondente livello cromatico, come schematizzato nelle seguenti figure.

Allerta
Idrogeologica / Idraulica

Allerta
Idrogeologica temporali

NESSUNA

NESSUNA

GIALLA

GIALLA

ARANCIONE

ARANCIONE

ROSSA

Il territorio regionale è suddiviso in cinque Zone di Allerta, individuate secondo criteri di integrità di bacino e di climatologia delle precipitazioni. Il Comune di Mignanego ricade nella zona B “Bacini Liguri Marittimi di Centro”.
Per schematizzare il diverso tipo di risposta idrologica dei bacini idrografici presenti nella regione, la normativa regionale introduce la Classe di Bacino, caratteristica legata all’estensione areale dello stesso:

  • bacini piccoli: bacini idrografici drenanti una superficie inferiore o uguale ai 15 km2 e reti fognarie;
  • bacini medi: bacini idrografici drenanti una superficie compresa tra i 15 e i 150 km2 (inclusi);
  • bacini grandi: bacini idrografici drenanti una superficie superiore ai 150 km2.

I bacini piccoli rispondono repentinamente a piogge intense puntuali, non necessariamente diffuse o persistenti (come nel caso dei temporali), mentre le Classi di Bacino più grandi rispondono, più lentamente, a piogge diffuse e persistenti, anche se non intense sul breve periodo.

Il Comune di Mignanego rientra nella II categoria, cioè quella che ricomprende i Comuni che presentano all'interno del loro territorio aste di torrenti che drenano aree comprese tra i 10 e i 150 km2 (cioè bacini medi), oltre a piccoli rii, reti idrografiche minori e reti fognarie.

Tali torrenti, come detto, sono purtroppo caratterizzati da tempi di corrivazione molto limitati, dell’ordine di pochissime ore (per tempo di corrivazione si intende il tempo che occorre alla generica goccia di pioggia caduta nel punto idraulicamente più lontano a raggiungere la sezione di chiusura del bacino).

Il sistema di allerta tramite codici colore emesso da ARPAL/Regione Liguria, è una previsione. Precede l’evento e non può, quindi, tener conto di come l’evento si sviluppa.
 
Sulla base della previsione che il Comune attiva il sistema di protezione civile.  Tutti i cittadini contribuiscono fondamentalmente al sistema innanzi tutto adottando le norme comportamentali di autoprotezione (vedi di seguito).
Sulla scorta del codice colore esplicano l’efficacia gli eventuali provvedimenti già adottati tramite ordinanza; altri provvedimenti possono essere adottati tramite ordinanza in caso di necessità.
In particolare le scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private, nel territorio comunale in allerta rossa vengono chiuse.
Il sistema di allerta è solo previsionale, di conseguenza il peggioramento della situazione meteo o il verificarsi di un evento imprevisto non comporta necessariamente l’emanazione di un’allerta o un cambiamento del codice colore, pertanto,  il cittadino deve sempre tenersi informato (pannelli elettronici posti ad inizio comune, tv, radio, quotidiani online e relativi social network, nonché sito istituzionale comunale, messaggistica sms se il proprio numero è stato fornito al Comune) e attenersi alle prescrizioni eventualmente fornite in corso di evento.

I fenomeni sono sempre più repentini, pertanto occorre provvedere per tempo a mettere in sicurezza le cose e le proprietà (veicoli, posa di parato riedi protezione etc.) dopodiché per la propria sicurezza, ad evento in atto, è importante adottare le misure di auto protezione. In particolare si raccomanda di non uscire in strada per mettere in salvo beni di proprietà data l’estrema imprevedibilità dell’evoluzione dell’evento. Se si è già in strada posizionarsi in luogo sicuro, non proseguire ed attendere la cessazione dell’evento. L’eventuale utilizzo di dispositivi di diffusione sonora segnala una situazione di imminente pericolo; si raccomanda in tal caso di non uscire in strada e di stare in un luogo sicuro ovvero osservare le indicazioni impartite.

NORME COMPORTAMENTALI DI AUTOPROTEZIONE

La popolazione, informata della dichiarazione dello STATO DI ALLERTA (prima dell’evento), deve:

  1. Per i residenti in aree riconosciute a rischio di inondazione (previa eventuale verifica delle mappe presso il Comune e non già chiaramente segnalate) evitare di soggiornare e/o dormire a livelli inondabili;
  2. Predisporre paratie a protezione dei locali situati al piano strada, chiudere/bloccare le porte  di cantine e seminterrati e salvaguardare i beni mobili collocati in locali allagabili;
  3. Porre al sicuro la propria autovettura in zone non raggiungibili dall’allagamento;
  4. Prestare attenzione alle indicazioni fornite dalle autorità, dalla radio o dalla tv;
  5. Verificare gli aggiornamenti dei pannelli luminosi ove siano disposti;
  6. Consultare il sito regionale del Centro Funzionale della Protezione Civile della Regione Liguria (http://www.arpal.gov.it/homepage/meteo.html) dove è illustrato il livello di Allerta e l’evoluzione d’evento in tempo reale.

Con EVENTO IN CORSO, la popolazione deve:

  1. Non soggiornare e/o dormire a livelli inondabili;
  2. Non sostare su passerelle e ponti e/o nei pressi di argini di fiumi e torrenti;
  3. Rinunciare a mettere in salvo qualunque bene o materiale e trasferirsi subito in ambiente sicuro;
  4. Staccare l’interruttore della corrente e chiudere la valvola del gas;
  5. Non tentare di raggiungere la propria destinazione, ma cercare riparo presso lo stabile più vicino e sicuro;
  6. Prestare attenzione alle indicazioni fornite dalle Autorità, dalla radio o dalla TV;
  7. Verificare gli aggiornamenti dei pannelli luminosi, ove siano disposti ed il sito web;
  8. Prima di abbandonare la zona di sicurezza accertarsi che sia dichiarato ufficialmente CESSATO lo stato di pericolo.
 
Torna su
Torna indietro