Sei qui: Home | Uffici Comunali | Polizia Municipale

Avvisi


   

AVVISO

SI RAMMENTA ALLA CITTADINANZA CHE IL 16 APRILE 2017 SCADRA' IL TERMINE PER IL PAGAMENTO DELLA TERZA RATA TARI ANNO 2016 

 

 

Ordinanza n. 11 del 31 agosto 2016

NORME DA OSSERVARSI IN CASO DI ALLERTE METEO IDROGEOLOGICHE E EVENTI METEOROLOGICI INTENSI

Leggi tutto

Ordinanza n. 3 dell'8 febbraio 2017

MANUTENZIONE E PULIZIA DEGLI ALVEI E DELLE SPONDE A CARICO DEGLI UTENTI E DEI PROPRIETARI FRONTISTI PER ASSICURARE LE CONDIZIONI DI SICUREZZA DEI RIVI E COMPLUVI SUL TERRITORIO COMUNALE

 

IL SINDACO

 

 ORDINA

a tutti  i proprietari frontisti e conduttori di fondi laterali e contermini dei canali e dei fossi di scolo, dei rii e corsi d'acqua e dei loro affluenti, che non siano di dominio pubblico ed insistenti sul territorio del Comune di provvedere a propria cura e sostenendone le relative spese, alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle  sponde degli alvei, come di seguito elencato ai punti 1,2,3,4 che dovranno essere tutti effettuati ciclicamente in modo da garantire la perfetta pulizia e manutenzione dei luoghi e comunque preferibilmente con un minimo di due cicli all'anno da effettuarsi secondo le seguenti scadenze:

L’eventuale primo ciclo di manutenzione ENTRO IL 30 APRILE di ogni anno;

Il secondo ciclo di manutenzione dovrà essere ultimato ENTRO E NON OLTRE IL 15 SETTEMBRE di ogni anno;

il tutto fermo restando che per la realizzazione di eventuali opere idrauliche che ricadono entro gli alvei e contro le sponde di un corso d'acqua iscritto nell'elenco delle acque pubbliche, nonchè in uno di quelli non iscritti, necessita della preventiva autorizzazione idraulica (per gli interventi soggetti) del competente Ufficio di Difesa del Suolo della Regione Liguria, così come è necessario ottenere dal predetto Ente l'autorizzazione di accesso nell'alveo di un corso d'acqua pubblico o demaniale per la sola pulizia ed il taglio selettivo della vegetazione senza alcuna modifica della sezione idraulica.

Elenco delle lavorazioni:

 

  1. taglio e sgombero dalle sponde e dagli alvei di tutte le piante ed arbusti radicate all'interno dell'alveo e della vegetazione arborea , piante con radici scalzate , piante poste sulle sponde ed inclinate verso l'alveo, anche se esterne alla fascia immediatamente spondale, nel caso in cui la loro caduta possa interessare l'alveo;
  2. su indicazione dell’Ufficio Tecnico Comunale, effettuare le necessarie operazioni di regolazione, sagomatura delle scarpate e cigli nelle aree private prospicienti o che aggettano sul corso del rio;

  3. su indicazione dell’Ufficio Tecnico Comunale, provvedere al ripristino della condizione di regolarità della sezione dell'alveo, con movimentazione dei materiali litoidi di ostacolo al regolare deflusso delle acque (mediante eventuale rimozione, nei tratti critici per il deflusso delle portate idriche, dei materiali litoidi, trasportati ed accumulati in punti isolati dell'alveo, pregiudizievoli al regolare deflusso delle acque e sistemazione dei sedimenti rimossi che dovrà avvenire nell'ambito dello stesso alveo);

  4. su indicazione dell’Ufficio Tecnico Comunale, realizzare tutti quegli interventi atti ad evitare situazioni di allagamento e/o di mancato deflusso e comunque atti ad evitare pericoli anche potenziali per la privata e pubblica incolumità;

 

AVVERTE

Che tutti i rifiuti vegetali e non vegetali derivanti dai lavori di pulizia e manutenzione dei rii e corsi d''acqua, canali e fossi colatori  nel Comune di Mignanego dovranno essere smaltiti e/o recuperati secondo quanto previsto dal D.Lgs 152/2006, e che pertanto è fatto assolutamente divieto di procedere alla pulizia dell’alveo attraverso l’incendio della vegetazione e l’uso di diserbanti e/o disseccanti, nonché rimuovere le ceppaie degli alberi che sostengono le sponde del corso d’acqua;

 Che la manutenzione e la pulizia dei, rii, corsi d’acqua e vettori di natura idraulica in genere è disciplinata per legge con l’obbligo per i proprietari o affittuari o comunque detentori a qualunque titolo di terreni e/o immobili prospicienti tutti i vettori di natura idraulica anzidetti, a mantenere i condizioni di funzionalità ed efficienza gli stessi;

che trattandosi di interventi entro l'area demaniale di un corso d'acqua dovrà essere data comunicazione di accesso in alveo, per le opere di pulizia e taglio selettivo della vegetazione senza alcuna modifica della sezione idraulica.

 

Che in caso di inosservanza sarà facoltà di questo Comune, trascorsi inutilmente i termini sopra indicati procedere d'ufficio, senza indugio ed ulteriori comunicazioni o analoghi provvedimenti, per eseguire i lavori necessari a spese degli inadempienti, ricorrendo anche alla Forza Pubblica.

 

Che qualsiasi danno dovesse verificarsi a causa del mancato adempimento dei lavori descritti nella presente ordinanza, l'inadempiente ristorerà direttamente ogni danno unitamente a tutte le spese che verranno sostenute da questa Amministrazione.

Che avverso il presente atto in applicazione del D. Lgs. 104/2010 chiunque vi abbia interesse potrà ricorrere entro 60gg. dall'ultimo di pubblicazione, al TAR della Liguria, ovvero, entro 120 gg. sempre dall'ultimo di pubblicazione, al Presidente della Repubblica.

Che i contravventori alla presente ordinanza siano passibili, previa diffida ed in caso di inottemperanza alla stessa, di sanzioni amministrative previste dal D. Lgs. 267/2000 art 7 bis e s.m.i.;

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Polizia Municipale

PDF  Stampa  E-mail 
ORGANIGRAMMA
Comandante Servizio di Polizia Locale:
Commissario superiore Francesco Carnevali
Comandante Servizio di Polizia Locale e responsabile del Servizio
francesco.carnevali@comune.mignanego.ge.it


Obblighi di pubblicazione di cui all’articolo 35 del  d.lgs.33/2013
AREA VIGILANZA

    
Per i seguenti procedimenti amministrativi si forniscono di seguito le relative informazioni.  

Ufficio competente (coincidente con l’unità organizzativa responsabile dell’istruttoria e alla quale rivolgersi per informazioni) nonché responsabile per le attivita' volte a gestire, garantire e verificare la trasmissione dei dati o l'accesso diretto agli stessi da parte delle amministrazioni procedenti ai sensi degli articoli 43, 71 e 72 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445
: AREA VIGILANZA

Responsabile dell’Ufficio e del  procedimento:  Francesco Carnevali

Giorni e orari di ricevimento:  dal lunedì al venerdì – dalle ore 9 alle ore 11, compatibilmente con le esigenze di servizio e di ufficio

Telefono fax e indirizzo di posta elettronica:   Tel 010 7720381 Int 27 – fax 010 7720425 – mail: polizia.municipale@comune.mignanego.ge.it

Modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino: telefonando o inviando una mail ai recapiti di cui sopra, ovvero presentandosi presso l’Ufficio competente negli orari sopra indicati.

Casella di posta istituzionale a cui presentare le istanze:      
comunedimignanego@actaliscertymail.it

Modalità di pagamento delle spese di istruttoria e delle sanzioni:
versamento tramite conto corrente postale n. 26755165 intestato al Comune di Mignanego – causale: spese di istruttoria
bonifico bancario IBAM:     IT22N0100003245140300302345
Strumenti di tutela, amministrativa e giurisdizionale, riconosciuti dalla legge in favore dell'interessato, nel corso del procedimento e nei confronti del provvedimento finale ovvero nei casi di adozione del provvedimento oltre il termine predeterminato per la sua conclusione e i modi per attivarli:  
il termine entro il quale i procedimento deve concludersi può essere sospeso, per una sola volta e per un periodo non superiore a trenta giorni, per l’acquisizione di informazioni o di certificazioni relative a fatti, stati o qualità non attestati in documenti già in possesso dell’amministrazione stessa o non direttamente acquisibili presso altre pubbliche amministrazioni.
nei procedimenti ad istanza di parte il responsabile del procedimento o l'autorità competente, prima della formale adozione di un provvedimento negativo, comunica tempestivamente agli istanti i motivi che ostano all'accoglimento della domanda. Entro il termine di dieci giorni dal ricevimento della comunicazione, gli istanti hanno il diritto di presentare per iscritto le loro osservazioni, eventualmente corredate da documenti. La comunicazione di cui al primo periodo interrompe i termini per concludere il procedimento che iniziano nuovamente a decorrere dalla data di presentazione delle osservazioni. Dell'eventuale mancato accoglimento di tali osservazioni è data ragione nella motivazione del provvedimento finale.
avverso i provvedimenti, in applicazione della Legge 06/12/1971, Nr.1.034, chiunque vi abbia interesse potrà ricorrere, per incompetenza, per eccesso di potere o per violazione di legge, entro 60 giorni dalla pubblicazione e notificazione al T.A.R. competente per territorio, ovvero entro centoventi giorni, al Capo dello Stato nei modi previsti dall’articolo 8 della legge 1199/71.
decorso inutilmente il termine per la conclusione del procedimento il privato può rivolgersi al Segretario Comunale perché, entro un termine pari alla metà di quello originariamente previsto, concluda il procedimento attraverso le strutture competenti o con la nomina di un commissario.
Nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo, nonché le modalità per attivare tale potere, con indicazione dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale:
Segretario Comunale

BREVE DESCRIZIONE DEI PROCEDIMENTI DI COMPETENZA DELL’UFFICIO
•    Accertamenti anagrafici: vengono svolti su richiesta dell’Ufficio Anagrafe con riferimento a acquisizione di nuova residenza o cancellazione; l’operatore accerta l’effettiva dimora o meno degli interessati.
•    Comunicazioni cessioni di fabbricati: la comunicazione non è più richiesta in caso di cessione dell’immobile o in  caso di registrazione del contratto di locazione.
•    Oggetti rinvenuti: l’Ufficio provvede alla ricerca del titolare dell’oggetto rinvenuto e alla riconsegna.
•    Notificazione atti: l’operatore notifica gli atti agli interessati consegnando loro copia dell’atto stesso.  
•    Comunicazioni inerenti infortuni sul lavoro; l’Ufficio provvede all’invio delle comunicazioni alle Amministrazioni competenti.
•    Attività di vigilanza in materia di polizia locale: gli operatori svolgono l’attività di accertamento di violazioni in materia: urbanistico – edilizia, ambientale, di tutela degli animali e di ogni altra legge, regolamento od ordinanza. In caso di contestazione o notificazione di verbali di violazioni al Codice della Strada gli interessati  possono entro 60 giorni effettuare il pagamento osservando le modalità sopra esposte (se il pagamento viene effettuato entro 5 giorni dalla notificazione o contestazione, salvo alcuni casi specifici, l’importo e ridotto del 30%), ovvero proporre ALTERNATIVAMENTE (a loro scelta, con l’avvertenza che la presentazione dell’uno esclude la possibilità di proporre l’altro) ricorso al Prefetto di Genova o al Giudice di Pace di Genova, qualora non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta. Il ricorso al Prefetto può essere presentato entro sessanta giorni dalla contestazione o notificazione della violazione, da presentarsi all'ufficio o comando cui appartiene l'organo accertatore ovvero da inviarsi con raccomandata con ricevuta di ritorno. Il ricorso può essere altresì essere presentato direttamente, entro il medesimo termine, al Prefetto di Genova. mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento   tramite PEC. Il ricorso al Giudice di Pace, competente nella figura del Giudice di Pace di Genova, può essere presentato entro trenta giorni dalla data di contestazione della violazione o di notificazione del verbale di accertamento, ovvero sessanta giorni se il ricorrente risiede all'estero. Il ricorso può essere depositato anche a mezzo del servizio postale. Qualora nei termini previsti non sia stato proposto ricorso e non sia avvenuto il pagamento in misura ridotta, il verbale, in deroga alle disposizioni di cui all’art. 17 della legge 24 novembre 1981, n. 689, costituisce titolo esecutivo per una somma pari alla metà del massimo della sanzione amministrativa edittale e per le spese di procedimento. Per violazioni in materie diverse dal Codice della Strada il termine per proporre ricorso all’autorità che viene indicata nel verbale è di 30 giorni.
•    Rilevamento incidenti stradali e servizi di polizia stradale: gli interessati possono richiedere copia del rapporto di incidente previo pagamento di € 33 con le modalità sopra indicate.
•    Coordinamento attività di protezione civile e Gruppo Comunale Volontari.

 
Modulistica Area Vigilanza

GIORNI E ORARI DI RICEVIMENTO
Dal lunedì al venerdì – Dalle ore 9 alle ore 11
TELFONO FAX E INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
Tel 010 7720381 Int 27 – fax 010 7720425 – mail: polizia.municipale@comune.mignanego.ge.it
 
Torna su
Torna indietro